Lago di Serranella – Riserva Naturale Regionale

Il Lago di Serranella è un invaso artificiale creato nel 1981 per scopi irrigui ed industriali. Grazie alla sua posizione prossima alla costa adriatica e alla confluenza fra i fiumi Sangro e Aventino è una delle aree più importanti per la sosta degli uccelli migratori. E’ diventato in pochi anni un ambiente palustre ricco di vita ed un’importante zona umida.

La Riserva dispone di strutture, di personale stabile e di collaboratori ed è divenuta nel tempo un importante punto di riferimento nella vallata del Sangro anche nel campo della progettazione e del ripristino ambientale.
Continua a leggere

Lecceta di Torino di Sangro – Riserva Naturale Regionale

La Riserva Naturale Regionale “Lecceta di Torino di Sangro”  è un’area naturale protetta che si estende per circa 180 ettari a partire dalla foce del fiume Sangro fino alla collina dove si trova il Cimitero di Guerra Britannico.

L’area boscata (bosco di Terracoste  – come era anche chiamata anticamente la zona) si estende ad angolo tra l’ultimo tratto del fiume Sangro, in prossimità della foce, e la costa adriatica e si sviluppa su di un territorio molto più ampio di quello della Riserva. E’ uno dei pochi boschi litoranei relitti dell’Adriatico che, dal mare, arriva fino a circa 115 m di altezza.

Continua a leggere

Cascate del Rio Verde – Riserva Naturale Regionale

Le Cascate del Verde sono tra le più alte Cascate Naturali d’ Italia e d’Europa e sono situate nel Comune di Borrello, un piccolo paese della Provincia di Chieti. Esse garantisco un’affascinante spettacolo precipitando per oltre 200 mt d’altezza.

Il fiume, scendendo all’interno di una profonda valle, dà vita alle cascate naturali più alte dell’Appennino, che si sviluppano su un’ampia parete rocciosa in 3 salti consecutivi.  Vengono alimentate da acque perenni ma la portata varia a seconda delle stagioni e a seconda degli anni (se piovosi o se secchi). Continua a leggere

Riserva naturale – Grotta delle Farfalle

La Riserva Naturale Grotta delle Farfalle comprende una superficie di 510 ettari di territori comunali di San Vito Chietino e di Rocca San Giovanni. San Vito Chietino è un comune di circa cinquemila abitanti localizzato su una collina che raggiunge il mare nel cuore della Costa dei Trabocchi. Il Comune di Rocca San Giovanni con 2360 abitanti, è posizionato sulla sommità di una collina rocciosa a 155 metri di altitudine tra il fiume Sangro e il torrente Feltrino. I confini dell’area protetta non raggiungono direttamente il litorale anche se la linea parallela al mare nei pressi di Vallevò, a metà tra i due comuni, divide la zona antropizzata da quella più conservata dal punto di vista naturalistico.

Continua a leggere